Gennaio 7, 2018

CURATRICI

Il piccolo festival d’inverno nasce dall’idea di queste due scrittrici che ne curano anche la direzione artistica e il programma.

LOREDANA LIPPERINI, giornalista e scrittrice, collabora da molti anni con le pagine culturali de “la Repubblica” e de “Il Venerdì di Repubblica”. È stata fra le prime voci di Radio Radicale, passando poi alla RAI per la quale ha condotto numerosi programmi radiofonici e televisivi. Attualmente è una delle voci su Radio RAI 3 della trasmissione di approfondimento culturale Fahrenheit. Dal 2004 ha un blog, www.lipperatura.it, dove pubblica recensioni, interviste, e commenti relativi alle nuove uscite editoriali. I suoi libri sono stati pubblicati da importanti case editrici come Laterza, Einaudi e Feltrinelli . E` molto legata alle Marche, sua terra di origine, alla quale ha dedicato il suo libro Questo trenino a molla che si chiama il cuore. Le sue ultime uscite letterarie sono: Pupa (Rrose Sélavy), Schiavi di un dio Minore, scritto insieme a Giovanni Arduino (UTET), L’arrivo di Saturno edito nel 2017 (Bompiani) e Magia Nera (Bompiani). Loredana Lipperini è anche autrice di romanzi e racconti fantasy di successo pubblicati con il suo eteronimo Lara Manni.


LUCIA TANCREDI è insegnate di letteratura e scrittrice, pugliese di origine e marchigiana di adozione vive  e la vora a Macerata dove ha pubblicato il suo primo libro “Racconti di viaggio. Le città d’arte della marca maceratese” (Quodlibet, 2003). Successivamente ha pubblicato i romanzi “Io, Monica. Le confessioni della madre di Agostino” (Città Nuova, 2006) “Ildegarda” (Città Nuova, 2009), “Coté Bach” (ev Casa Editrice, 2009) e “La vita privata di Giulia Schucht, (ev Casa Editrice, 2012) con il quale ha vinto nel 2013 il premio internazionale “Scrivere per amore”. Sempre con Ev ha pubblicato anche: “L’otto”, dedicato alla vita dell’artista Lorenzo Lotto, “Gargano negli occhi”, una guida romanzata della sua terra di origine, e l’ultimo “Lo Sferisterio a Macerata. L’avventura dei Cento Consorti”, la storia del caratteristico monumento maceratese e dei Cento Consorti che lo fecero costruire.  Ha inoltre fondato e diretto Ev mensile di scrittura ricreativa.